Come funziona un climatizzatore portatile

Come funziona un climatizzatore portatile

Un climatizzatore portatile funziona esattamente come un’unità di raffreddamento tradizionale, con la differenza che il condizionatore portatile non deve essere fissato a una parete. Al contrario, può essere facilmente spostato da una stanza all’altra secondo le necessità e installato in pochi minuti.

I condizionatori portatili sono compatti e flessibili; non richiedono un’installazione permanente e possono essere utilizzati per molti scopi diversi: ad esempio, si possono usare in salotto durante i mesi estivi quando si desidera un po’ di refrigerio in più o in ufficio durante le giornate di lavoro più afose.

I due tipi principali di unità portatili sono le unità a finestra e i sistemi split. Le unità a finestra sono leggere e facili da installare, ma non raffreddano bene grandi aree (sono adatte a camere da letto o piccoli uffici). I sistemi split sono dotati di un’unità condensatrice esterna (che di solito viene montata su una parete esterna) o di una batteria di evaporatori interna (che viene appesa sotto una finestra aperta); entrambi i tipi possono raffreddare in modo efficiente aree molto ampie.

Le ruote per spostarli in modo semplice

I condizionatori portatili sono spesso dotati di ruote per poter essere facilmente spostati da una stanza all’altra. Se avete una casa di grandi dimensioni, potrebbe essere più sensato acquistare più condizionatori portatili piuttosto che un’unità centrale più grande.

Le ruote sono una caratteristica essenziale di un condizionatore portatile. Esse facilitano lo spostamento dell’unità quando necessario, il che è particolarmente utile se si ha bisogno di spostare il condizionatore portatile tra le stanze o gli spazi della casa più di una volta al giorno (o alla settimana).

La portabilità è il principale vantaggio di un condizionatore portatile rispetto alle tradizionali unità a finestra o ai sistemi di condizionamento centralizzati. Con le ruote, tuttavia, avrete ancora più possibilità di allestimento in diverse aree della casa.

Il contenitore d’acqua

I condizionatori portatili sono spesso dotati di un contenitore d’acqua che deve essere svuotato periodicamente. Se si dispone di uno dei condizionatori portatili più recenti, è possibile utilizzare il telecomando per impostare la funzione di svuotamento automatico in modo che si svuoti quando l’apparecchio non è in uso. I modelli più vecchi richiedono uno scarico manuale.

Anche la pulizia e la manutenzione differiscono tra i vari tipi di condizionatori portatili. I filtri devono essere puliti o sostituiti secondo le necessità (alcuni modelli sono dotati di filtri lavabili che non devono mai essere sostituiti). Inoltre alcuni modelli richiedono uno sbrinamento periodico se vengono utilizzati nei mesi invernali in climi freddi, dove la brina può formarsi sulle serpentine e impedirne il funzionamento efficiente.

La capacità di raffreddamento (in BTU)

La capacità di raffreddamento di un condizionatore d’aria (in BTU) indica la quantità di energia utilizzata e la quantità di spazio che può raffreddare. Un valore BTU più elevato significa che il condizionatore portatile è in grado di raffreddare aree più grandi rispetto a un’unità con un valore BTU inferiore o che consuma meno energia per farlo.

La classe energetica

I condizionatori d’aria portatili devono essere utilizzati in uno spazio chiuso per garantire che l’aria calda venga rimossa dalla stanza. La classe energetica di un apparecchio indica la quantità di energia necessaria per il suo corretto funzionamento. I condizionatori d’aria di classe inferiore richiedono meno elettricità e quindi costano meno di quelli di classe superiore. Se desiderate utilizzare il vostro condizionatore portatile in una camera da letto, vi consigliamo di scegliere i modelli con classe energetica A o B.

Le unità di classe energetica A sono più costose di quelle di classe energetica B perché hanno un isolamento migliore e quindi sono più efficienti nel rimuovere il calore da una stanza; tuttavia, il loro prezzo più elevato può valere la pena se si vuole risparmiare sulle bollette energetiche o se si vive in aree in cui le interruzioni di corrente sono comuni durante i mesi estivi, quando la domanda di elettricità supera l’offerta.

Inoltre per un risparmio maggiore è bene scegliere il fornitore più adatto alle proprie esigenze con cui fare una voltura, un subentro o un nuovo allaccio gas e luce. È bene in ogni caso fare sempre una comparazione delle offerte luce e gas presenti sul mercato.

Un modello più potente per spazi più ampi

Se si desidera utilizzare il condizionatore portatile per raffreddare l’intera abitazione, è necessario un modello più potente ma meno efficiente. In generale, le unità fisse sono più efficienti di quelle portatili perché hanno condotti più grandi e possono essere installate con molte altre funzioni, come deumidificatori e umidificatori.

Per funzionare correttamente, la maggior parte dei condizionatori portatili necessita di uno sfiato attraverso una finestra o una parete esterna. L’aerazione è necessaria perché c’è un condensatore che genera calore, che deve essere rimosso dalla stanza scaricandolo all’esterno. Esistono due modi per farlo:

  • attraverso una finestra o una parete con un tubo flessibile;
  • utilizzando la finestra come parte della struttura.

I condizionatori portatili sono convenienti ed efficienti

Nonostante il costo iniziale dell’acquisto di un condizionatore portatile, si tratta di un ottimo investimento se si deve raffreddare un’intera casa. I condizionatori portatili sono facili da installare, comodi da usare e più economici dei condizionatori centralizzati.

Simona Flavia Naccarato

Pubblicato da Simona Flavia Naccarato

Simona Flavia Naccarato è una giornalista e divulgatrice specializzata in biotecnologie e scienze della vita. Con una laurea in biologia e un master in comunicazione scientifica, Simona ha collaborato con varie riviste specializzate e siti web, portando ai lettori le ultime novità in campo medico e biotecnologico. La sua passione per la scienza e la tecnologia si riflette nei suoi articoli, sempre aggiornati e dettagliati. Oltre al lavoro di giornalista, Simona è anche attiva nella promozione delle STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), partecipando a iniziative e progetti educativi rivolti ai giovani.