Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro: nuovo teaser svela molti particolari

Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro: nuovo teaser svela molti particolari

L’azienda produttrice è pronta a lanciare la serie Huawei Mate 20 in occasione di un evento a Londra che si terrà il prossimo 16 ottobre. La società sta provvedendo in queste ore a diffondere gli inviti ai media: nel frattempo, è la stessa Huawei a svelare nuovi particolari del dispositivo.

Secondo l’ultimo teaser, Huawei Mate 20 dovrebbe essere alimentato con l’ultimo processore Kirin 7nm, dotato di più funzionalità inerenti l’intelligenza artificiale. Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro sono impostati per il lancio simultaneo, e la variante “Pro” dovrebbe essere caratterizzata da una tripla fotocamera posteriore, come già emerso in molti “leak”.

La presenza di molte fotocamere sta diventando una prerogativa di Huawei, che di recente ha lanciato il Mate 20 Lite (durante l’IFA 2018 a Berlino, ndr), con una doppia fotocamera sia anteriore che posteriore.

Tuttavia, la conferma principale che traspare in questo nuovo teaser è che la serie Mate 20 sfoggerà il nuovo processore Kirin 980, anch’esso lanciato per la prima volta all’IFA 2018. È pubblicizzato come il primo sistema on-chip (SoC) 7nm (nanometri) commerciale al mondo, dotato di funzionalità di intelligenza artificiale (AI). Rispetto al precedente processore a 10 nm, questo chip a 7 nm offre prestazioni migliorate del 20%, oltre al 40% di efficienza in più, come confermato dalla stessa casa di Shenzhen.

Inoltre, il teaser afferma che Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro dovrebbero avere funzioni AI nella fotocamera e nell’interfaccia utente generale. Il teaser si presenta con lo slogan “Un’intelligenza superiore sta arrivando”.

Huawei Mate 20 Pro dovrebbe arrivare con un sensore di impronte digitali integrato nel display, mentre il Mate 20 sarà probabilmente caratterizzato da un sensore di impronte digitali tradizionale.

Angelo Borghese

Pubblicato da Angelo Borghese

Angelo Borghese è un giornalista scientifico con una solida formazione in fisica e astrofisica. Laureato con lode, ha iniziato la sua carriera come ricercatore, per poi passare alla divulgazione scientifica. Angelo è conosciuto per la sua capacità di rendere accessibili e comprensibili anche i concetti più complessi della scienza moderna. Scrive di spazio, esplorazioni spaziali e delle scoperte più recenti nel campo della fisica. È un appassionato di fotografia astronomica e spesso partecipa a conferenze e workshop per promuovere la cultura scientifica.