A cosa serve l’hashtag: cos’è e come funziona

A cosa serve l’hashtag?

Di cosa stiamo parlando? Grazie alla diffusione sempre più elevata dei social network, i simboli che fanno parte di questo universo stanno prendendo sempre più piede.

L’hashtag è proprio uno dei simboli che contraddistinguono i social media, in particolare Twitter.

Tra i simboli per Twitter troviamo proprio questa particolare caratteristica.

Se ti stai chiedendo l’hashtag cos’è e a cosa serve l’hashtag, vediamo di sapere tutte le informazioni necessarie per sapersi districare al meglio sulle pagine dei tuoi social network preferiti.

Non solo Twitter: innanzitutto devi sapere che esistono anche gli hashtag su Facebook.

Anche sul social network di Mark Zuckerberg è possibile creare nuovi hashtag e utilizzare quelli già esistenti per effettuare ricerche oppure per inserirsi all’interno di discussioni già avviate.

Cerchiamo quindi di andare più nello specifico e scopriamo a cosa serve l’hashtag e come utilizzare questo simbolo di Facebook e di Twitter.

Cosa significa hashtag

Tutti utilizziamo i social network per scrivere le nostre impressioni o per interagire con i nostri amici.

In realtà l’hashtag ha un significato molto semplice.

Ecco cosa significa hashtag nello specifico.

La parola in questione trae spunto da due termini diversi: hash e tag.

Il primo vuol dire cancelletto ed è il simbolo che viene utilizzato solitamente nelle tastiere comunemente diffuse, come quelle degli smartphone.

Stiamo parlando del simbolo #, che tutti sicuramente avrete ben presente nella mente.

La seconda parola, “tag”, vuol dire etichetta ed è proprio questa che dà il significato a questo concetto, che permette di capire cosa sono gli hashtag nello specifico.

A cosa serve l’hashtag, quindi?

Innanzitutto ti diciamo che questo concetto è composto proprio dal cancelletto seguito da una parola o da diverse parole unite tra di loro.

È proprio in questo modo che si scrive e in questo modo avrai compreso molto bene qual è il significato di hashtag.

a cosa serve l'hashtag
Gli hashtag sono molto utili per catalogare i post

Come funzionano gli hashtag

Il concetto in questione, come dicevamo precedentemente, è molto semplice.

In pratica, con un hashtag le frasi diventano un argomento, che altri utenti dei social network potranno successivamente rintracciare con semplicità, grazie ad esempio alla funzione di cerca hashtag.

Con la creazione di un hashtag si va a definire una vera e propria etichetta, che gli altri utenti dei social potranno individuare con molta facilità durante le loro ricerche online.

Facciamo un esempio per comprendere meglio cos’è un hashtag e come funziona questo utile strumento di internet.

Quando scrivi un post sui social (del post il significato è ormai noto) e inserisci un hashtag andrai a scrivere ad esempio #vacanze.

In questo modo chiunque effettuerà una ricerca su Twitter o su Facebook con la parola “vacanze” visualizzerà anche il tuo messaggio social, naturalmente sempre se avrai impostato la privacy dei tuoi post come pubblica e quindi i tuoi messaggi sono visibili a chiunque.

È un metodo molto semplice che ti aiuta a farti trovare da altre persone (sfruttando ad esempio gli hashtag popolari o quelli di tendenza su Twitter) e allo stesso tempo ti permette di fare ordine tra i tuoi messaggi, catalogandoli ed ordinandoli nel modo più semplice.

I motivi per utilizzare le etichette

Adesso che abbiamo visto a cosa serve l’hashtag, ti vogliamo parlare nel dettaglio delle funzioni che questo strumento molto utile consente di effettuare per chi scrive quotidianamente sui social network.

Innanzitutto questo metodo di scrittura con la possibilità di etichettare i post sui social media consente di essere maggiormente visibile a tutti gli utenti che trattano dello stesso argomento sul social network che utilizzate, come appunto Facebook, Twitter o Instagram.

In particolare su Twitter e su Instagram queste etichette precedute dal cancelletto sono molto usate per catalogare le informazioni e farsi scoprire da altri utenti che potrebbero essere interessati agli argomenti che trattiamo.

Gli altri utenti di internet infatti possono scrivere una parola nel campo di ricerca del portale e visualizzeranno tutti i post che fanno capo a quel settore.

Naturalmente è una funzione utile anche per chi scrive il messaggio, perché sarà sufficiente cliccare sull’etichetta per visualizzare una pagina con tanti risultati di ricerca corrispondenti a quello specifico argomento.

Ad esempio è un metodo molto usato per seguire un evento (sportivo o televisivo) in diretta, per raggruppare in un’unica pagina tutti i messaggi relativi a quell’evento.

Ma, come dicevamo, si tratta di vere e proprie etichette.

Ecco quindi a cosa serve l’hashtag, ad organizzare le informazioni che si inseriscono su internet nei portali social.

Così sarà semplicissimo avere una pagina con tutti i risultati relativi ad un determinato argomento trattato, anche per fare ordine tra le varie informazioni che quotidianamente postiamo online e che a volte sono davvero tante.

Con l’utilizzo di un hashtag, insomma, non disperderai le informazioni sulla rete, potendo sempre rintracciare i tuoi messaggi, in qualsiasi momento e in qualsiasi occasione.

Con le etichette si possono mettere in contatto gli utenti dei social che hanno degli interessi in comune.

Come creare un hashtag

Quindi, dopo aver visto a cosa serve l’hashtag, passiamo a vedere come creare un’etichetta di questo tipo.

È molto semplice sapere come si fa l’hashtag.

Le regole sono molto facili da comprendere.

Ad esempio non devi inserire degli spazi tra diverse parole.

Non puoi inoltre utilizzare caratteri speciali e la punteggiatura.

Non puoi usare il carattere @, che ha la funzione di tag degli utenti sui social.

Inoltre non puoi inserire il simbolo # nella parola che segue il tag.

Come si scrive hashtag, quindi?

Basterà far seguire il cancelletto # da una parola specifica.

Quindi puoi creare in qualsiasi momento un’etichetta, avendo però cura di non esagerare.

Non mettere troppe etichette all’interno dei tuoi post, perché questi potrebbero risultare di difficile lettura e potresti ottenere l’effetto contrario rispetto a quello della chiarezza che vuoi dare.

Utilizza sempre l’hashtag che ritieni più corretto. Ad esempio se parli di amore e di mare puoi inserire #love, #amore, #sea o #mare.

Non inserire mai delle parole che non sono davvero indispensabili per la comprensione e la catalogazione dell’argomento che stai affrontando all’interno del tuo post.

È sempre importante non risultare eccessivi nella scrittura, per cercare di coinvolgere maggiormente gli utenti dei social, e allo stesso tempo utilizzare sempre il tag giusto, che deve essere adatto in maniera specifica al messaggio che stai per pubblicare.

Ricorda che queste parole sono molto utili per chi effettua una ricerca e vuole arrivare subito al dunque, trovando le informazioni di maggiore interesse all’interno di portali nei quali sono inseriti quotidianamente migliaia di messaggi di vario genere.

È importante quindi essere brevi e avere sempre a disposizione gli strumenti adeguati per rendere i messaggi più visibili.

TUTTI GLI ARTICOLI DEL MONDO TECH: LEGGI QUI