Xiaomi Mi Band 3: recensione, prezzo e caratteristiche

Xiaomi Mi Band 3: recensione, prezzo e caratteristiche

Per chi è interessato all’acquisto di un bracciale fitness tracker con il cardiofrequenzimetro, uno dei prodotti più economici attualmente presenti sul mercato, ma decisamente di buona qualità, è lo Xiaomi Mi Band 3 che ha un peso di appena 100 grammi, anzi qualche grammo in meno per l’esattezza, e dimensioni 25 x 1,5 x 1 cm.

Le caratteristiche di Xiaomi Mi Band 3

Rispetto al modello precedente della Xiaomi, il Mi Band 3, che in termini di design non presenta dei cambiamenti di rilievo, ha però il bracciale e l’aggancio che sono un po’ più robusti, e questo tra l’altro permette alla capsula di rimanere ancor meglio agganciata al bracciale stesso.

Sebbene resti piccolo, inoltre, rispetto al modello precedente Xiaomi Mi Band 3 ha il display un po’ più ampio ed è in grado pure di resistere all’acqua fino ad una profondità di ben 50 metri.

Trattandosi di un prodotto che è molto compatto ed economico, lo Xiaomi Mi Band 3, per quel che riguarda la connettività, supporta lo standard Bluetooth 4.2, ma non il GPS ed il Wi-Fi.

Così come c’è il sensore di battito cardiaco, ma non c’è il microfono, lo speaker e nemmeno il supporto alla tecnologia Near Field Communication (NFC).

In verità esiste in commercio una versione del fitness tracker Xiaomi Mi Band 3 con il chip NFC, ma ci sono poche possibilità che questa possa essere commercializzata sul mercato europeo e, quindi, anche in Italia nel prossimo futuro.

Il display e le funzioni

Per quel che riguarda il display, come sopra accennato quello dello Xiaomi Mi Band 3 è un po’ più grande rispetto al modello precedente, ma parliamo comunque di uno schermo touch da 0,78 pollici con una risoluzione 128 x 80.

Tra le funzioni dello Xiaomi Mi Band 3 c’è il rilevamento automatico dell’attività fisica, la ricerca del telefono, il cambio della skin relativa all’ora, potendo scegliere tra le tre disponibili, ed il cronometro che si può far partire direttamente da polso.

L’app associata al fitness tracker della Xiaomi è sempre quella del modello precedente, ovverosia la Mi Fit con sistema operativo Android che spalanca le porte a tutta una serie di funzioni e di opzioni da poter gestire partendo dalla selezione delle applicazioni per le quali si vuole ricevere una notifica sullo Xiaomi Mi Band 3 e passando per le notifiche di inattività, l’abilitazione dei promemoria e della sveglia e per la modalità non disturbare in certe fasce orarie, fermo restando che il dispositivo è in grado di attivarla in automatico quando rileva che ci siamo addormentati.

Le notifiche accessibili dallo smartwatch sono sempre le ultime cinque, e rimangono tali anche se queste magari vengono lette sullo smartphone.

L’autonomia del fitness tracker

Passando alla questione relativa alla durata della batteria, che è da 110 mAh, il consumo è variabile ed è strettamente legato all’utilizzo o meno del sensore di battito cardiaco.

Con il sensore di battito cardiaco abilitato, e con utilizzo 24 ore su 24, l’autonomia non supera infatti i 5 giorni, mentre in caso di inutilizzo del cardiofrequenzimetro l’autonomia dello Xiaomi Mi Band 3 balza fino a ben 20 giorni.

In conclusione

Nel complesso il fitness tracker è ideale per chi è alla ricerca di un buon prodotto ad un prezzo contenuto, ed è soddisfatto di quelli che sono i punti di forza a partire dall’autonomia e passando per il display che è più grande per lo Xiaomi Mi Band 3, rispetto al modello precedente, e per la comodità di tenerlo al polso in quanto è veramente molto leggero rispetto a dispositivi dello stesso tipo che sono decisamente più pesanti anche perché hanno un display decisamente più grande al fine di leggere meglio le notifiche, e di attivare manualmente attività fisiche direttamente dal bracciale.

Per assistere al lancio sul mercato del fitness tracker Xiaomi Mi Band 3 l’attesa è stata di quasi due anni rispetto alla precedente generazione di Xiaomi Mi Band.

L’attesa nel complesso è stata ripagata, in quanto il dispositivo rispetto al Mi Band 2 fa importanti passi in avanti attraverso il miglioramento di tanti piccoli dettagli. Ma nello stesso tempo è rimasto l’ottimo rapporto tra qualità e prezzo che continua a decretarne il successo.

La terza generazione dei fitness tracker Xiaomi Mi Band, inoltre, non ha perso quelli che sono i suoi connotati e le sue caratteristiche, ovvero quelle di essere un bracciale/orologio ideale da un lato per chi ama lo stile hi-tech da indossare semplice e minimale, ma dall’altro punta ad avere sempre addosso uno smartwatch che, per sua natura, si adatta ad ogni situazione, ad ogni condizione e con qualunque outfit.

Xiaomi Mi Band 3 è in offerta a soli 28,99 euro e lo puoi acquistare su Amazon. Con Prime la spedizione è molto rapida e senza costi aggiuntivi.

Simona Flavia Naccarato

Pubblicato da Simona Flavia Naccarato

Simona Flavia Naccarato è una giornalista e divulgatrice specializzata in biotecnologie e scienze della vita. Con una laurea in biologia e un master in comunicazione scientifica, Simona ha collaborato con varie riviste specializzate e siti web, portando ai lettori le ultime novità in campo medico e biotecnologico. La sua passione per la scienza e la tecnologia si riflette nei suoi articoli, sempre aggiornati e dettagliati. Oltre al lavoro di giornalista, Simona è anche attiva nella promozione delle STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), partecipando a iniziative e progetti educativi rivolti ai giovani.