Ultima Thule non ha atmosfera: lo rivela la sonda New Horizons

172

La sonda spaziale New Horizons che ha esplorato l’antico oggetto della fascia di Kuiper, soprannominato Ultima Thule, all’inizio di questa settimana, ha rivelato che l’oggetto in questione sembra non avere alcuna atmosfera: lo ha riferito la NASA. New Horizons ha completato il “flyby” più lontano della storia quando è arrivato a circa 2.200 miglia (3.500 chilometri) da Ultima Thule lo scorso 1 gennaio, facendo uno zoom oltre l’oggetto a più di 32.000 miglia (51.000 chilometri) all’ora.

I dati della navicella spaziale New Horizons della NASA confermano ogni giorno delle importanti scoperte scientifiche. Oltre a non trovare alcuna prova di un’atmosfera, l’analisi iniziale dei dati non ha trovato alcuna prova di anelli o satelliti più grandi di un chilometro di diametro in orbita attorno a Ultima Thule, come ha riferito l’agenzia spaziale americana in una dichiarazione diffusa nella giornata di giovedì.

Il colore di Ultima Thule corrisponde al colore di mondi simili nella cintura di Kuiper, come determinato dalle misurazioni telescopiche. I due lobi di Ultima Thule hanno una colorazione quasi identica.

La trasmissione dei dati da New Horizons si interromperà per circa una settimana mentre il veicolo spaziale passerà dietro al Sole visto da qui sulla Terra. La trasmissione dei dati riprenderà da giovedì 10 gennaio. Ha osservato Alan Stern del Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado:

Noi del team scientifico non vediamo l’ora di iniziare a ‘scavare’ in quel tesoro.

Situata a 6,5 ​​miliardi di chilometri dalla Terra, Ultima Thule significa “oltre il mondo conosciuto“. Il lavoro di New Horizons potrebbe aiutare gli scienziati a capire meglio le condizioni quando il nostro sistema solare si è formato miliardi di anni fa.