Energia e mercato libero: le dinamiche per scegliere le offerte migliori

232
energia
Diz Play / Unsplash

Per stabilire se un’offerta del mercato libero è davvero interessante è necessario imparare a leggere le bollette, e avere ben chiari i meccanismi che stabiliscono i costi

Il mercato libero dell’energia è tendenzialmente fonte di risparmio e convenienza in termini tariffari. Già ora, a distanza di oltre un anno dall’entrata in vigore definitiva del mercato libero, prevista per luglio del 2020, si possono valutare le prime note positive.

Chi sceglie di aderire al mercato libero opta per una soluzione volta alla convenienza, assicurandosi prima di ogni altra cosa una fornitura di energia che si adegua alle esigenze.

Come intuire se un’offerta del libero mercato è interessante?

Prima di scegliere una qualsiasi offerta è bene avere ben chiare le dinamiche, essere informati ed  estremamente consapevoli.

Per stabilire se un’offerta del mercato libero è davvero interessante è importante imparare a leggere le bollette, per avere ben chiari i meccanismi che portano a stabilire un prezzo e che cosa determina realmente gli importi.

Solo così si potrà operare un reale confronto fra diverse proposte.

Partendo dalle tante offerte presenti sul mercato (clicca qui per saperne di più) è bene valutare le proposte leggendo attentamente la documentazione, la stessa che viene messa a disposizione a supporto delle note fondamentali dell’offerta.

Una lettura approfondita ci permetterà di verificare i tanti dettagli e in particolar modo la scheda di confrontabilità e le condizioni contrattuali.

Valutare un’offerta commerciale proveniente dal mercato libero consente di godere di un contratto di fornitura con condizioni svincolate dalle imposizioni dell’ARERA, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, a favore di una proposta concordata invece da società venditrice e utente.

Per poter valutare le offerte possiamo chiedere aiuto ai comparatori online, che ci propongono tutta una serie di prodotti in base alle esigenze di consumo e di budget.

Si tratta di strumenti di pubblica utilità, come ComparaSemplice.it, un servizio di comparazione e di consulenza completamente gratuito, che non pesa affatto sulle tariffe definite dai fornitori.

Attenzione agli sconti da favola

Spesso vengono sbandierate ai quattro venti offerte che promettono sconti e risparmi da favola.

Nel valutarle partiamo dalla considerazione che nel settore dell’energia, al pari di molte altre realtà commerciali, nessuno pensa anche solo lontanamente di regalare qualcosa.

I fornitori soprattutto a fronte dei costi elevati dell’energia hanno margini economici davvero minimi. E’ bene ricordare che le aziende fornitrici sono in grado di effettuare sconti solo su componenti quali le spese per la materia prima come gas ed energia.

Le offerte che ci vengono proposte devono passare sotto la lente di ingrandimento e si rivela opportuna la scelta che centra al meglio gli obiettivi dell’utente.

Prima di affrontare un qualsiasi confronto è bene chiarire se si desidera unicamente risparmiare, oppure evitare accuratamente i possibili aumenti tariffari futuri, o ancor meglio si intende poter fruire di importi costanti in bolletta.

In ultima analisi è necessario prestare la massima attenzione alle offerte tenendo sempre ben presente lo stile individuale nei consumi.

Ciascun utente infatti rientra in un profilo specifico, in base alla tipologia di consumo. A fare la differenza possono essere ad esempio le fasce orarie di maggior utilizzo dell’energia, con uso più frequente la sera, piuttosto che la mattina, oppure durante le ore notturne o nel weekend.

Nello scegliere la tariffa quindi è bene prestare massima attenzione al profilo per garantirsi l’offerta più consona, confrontando a priori i prezzi relativi allo stile di consumo.