Cosa chiedere ad Alexa: domande, lista e suggerimenti

Cosa chiedere ad Alexa: domande, lista e suggerimenti

Cosa chiedere ad Alexa, l’assistente digitale di Amazon? Alexa è oggi in grado di recepire tantissimi comandi. A differenza di quanto avveniva in passato, riconosce molto bene gli ordini vocali e per questo semplifica notevolmente la vita quotidiana. Ma, più nello specifico, cosa si può chiedere ad Alexa? Ecco, qui di seguito, una lista ricca di suggerimenti.

Cosa può fare Alexa

Ad Alexa cosa chiedere nello specifico? Se ti chiedi cosa posso chiedere ad Alexa, continua a leggere questa guida. Lo speaker Alexa basato sull’intelligenza artificiale è capace di interagire con il software come fosse una persona.

Infatti, riesce a captare la voce umana per poi eseguire alcune operazioni, come ad esempio lo spegnimento e l’accensione delle luci in casa. Tutto questo solo dopo aver collegato l’assistente vocale alla connessione internet.

Cosa chiedere ad Alexa tramite uno dei dispositivi che utilizzano l’assistente digitale? Le funzioni prefigurate sono diverse e possono essere incrementate attraverso apposite applicazioni denominate skill, generalmente in lingua inglese, ma nell’ultimo periodo disponibili anche in italiano. Le skill più diffuse sono quelle che consentono di gestire una casa domotica.

Oltre a controllare gli elettrodomestici smart, Alexa può impostare la temperatura del termostato wi-fi, gestire l’illuminazione, programmare il robot aspirapolvere, effettuare ricerche sul web, riprodurre contenuti audio e video, fornire informazioni su servizi e leggere le notizie quotidiane.

I comandi di base

Cosa fare con Alexa, quindi? Cosa chiedere ad Alexa? Per quanto riguarda il funzionamento e le cose da fare con Alexa, questo è piuttosto semplice. Per prima cosa occorre acquistare un dispositivo compatibile che integra un hub con Alexa, ovvero uno degli speaker che fanno parte della linea Echo. Così facendo si potrà scoprire che tempo farà a Torino, riprodurre una traccia musicale specifica o accendere la macchinetta del caffè.

Affinché tutto funzioni per il meglio è necessario che il dispositivo sul quale Alexa deve intervenire sia compatibile con la tecnologia di Amazon. A questo proposito, per quanto riguarda le tv, basti pensare ai modelli smart o comprare l’Amazon Fire Stick. Successivamente grazie a specifici telecomandi e skill sarà possibile aumentare o abbassare il volume, cambiare canale o avviare un determinato contenuto.

Anche la configurazione è piuttosto semplice e alla portata di tutti. Scaricando l’app ufficiale di Alexa, non resta che creare un profilo su Amazon o usare quello già esistente. In questo modo si possono scoprire e attivare le skill di base, quindi collegarsi a tutti i servizi offerti da Amazon. Più nel dettaglio, attraverso i comandi vocali di base si può:

  • giocare;
  • conoscere le ultime notizie;
  • fare shopping su Amazon;
  • chiedere informazioni sul meteo e traffico;
  • ascoltare la musica su Spotify, Kindle, Amazon Music e radio.

I comandi di base sono ad esempio ‘Alexa buongiorno’, ‘com’è il tempo?’, ‘stop’, ‘vai avanti’, ‘disattiva la modalità muto’, ‘svegliami domani mattina alle ore (orario)’, ‘quali sono le notizie di oggi?’, ‘abbassa il volume’ o ‘aiuto’.

Domande da fare ad Alexa

Cosa chiedere ad Alexa, allora? Quali sono, quindi, le domande da fare ad Alexa nel corso delle varie azioni della vita quotidiana? Durante il corso della giornata il sistema di Alexa si rivela abbastanza efficace in svariate situazioni, specialmente in cucina e quando vengono consegnati alimenti acquistati direttamente su Amazon. L’assistente vocale permette infatti di compilare in modo rapido la lista della spesa e di ordinare tutto quello che serve per organizzare una cena. Alexa può persino fungere da timer per gestire i tempi di cottura, suggerire una nuova ricetta e fornire informazioni sulle calorie di una pietanza.

Si può anche ascoltare la musica e visualizzare i video gestendo al contempo il volume. L’utente potrà riprodurre l’album di un determinato artista oppure una serie tv.

Cosa puoi chiedere ad Alexa allora? Alcuni comandi e domande comuni sono ad esempio ‘ferma la playlist’, ‘cosa stai riproducendo?’, ‘pausa’, ‘riproduci la radio (nome della radio)’, ‘riproduci la canzone (nome brano)’.

Naturalmente Alexa sarà in grado di fornire una risposta precisa su argomenti in generale. L’assistente consente di consultare svariate informazioni. ‘Quanta distanza c’è dalla (nome città 1) alla (nome città 2)’, ‘quanti anni ha (nome artista)?’, ‘qual è la capitale del (nome paese)?’ e ‘qual è la radice quadrata di (numero)?’ sono solo alcuni esempi.

Se vuoi sapere cosa chiedere ad Alexa, bisogna anche segnalare che Alexa fornisce dati sportivi, come i risultati delle competizioni NBA e calcistiche. Si potrà quindi scoprire com’è finita una partita, la squadra vincitrice di un campionato e i punteggi conseguiti. L’assistente vocale potrà anche leggere un riassunto delle notizie sportive quotidiane.

Grazie ad Alexa si potrà conoscere quanto tramonta il sole, a che ora spunterà l’alba, se sarà necessario portare o meno l’ombrello, rintracciare il proprio ordine online, scoprire le migliori offerte commerciali, conoscere la situazione sul traffico in un determinato luogo e tanto altro ancora.

Le domande divertenti

Tante persone usano Alexa anche per fare richieste assurde, delle domande ad Alexa che si rivelano davvero divertenti: devi conoscere anche queste possibilità se vuoi sapere cosa chiedere ad Alexa. L’assistente vocale diventa così uno strumento interessante anche per trascorrere il tempo in maniera divertente. Fra i comandi più simpatici e le frasi da dire ad Alexa si ricorda: ‘sono tuo padre?’, ‘ci sono gli UFO?’, ‘ti licenzio!’, ‘dimmi la verità’, ‘canta Buon Compleanno’, ‘scegli una carta’, ‘recita una poesia’, ‘mi vuoi bene?’, ‘a cosa stai pensando?’, ‘dove ho lasciato le mie chiavi?’, ‘ che cos’è l’amore?’, ‘fammi un indovinello’ o ‘pronuncia la parola magica’.

Insomma con Alexa non ci sono limiti al controllo vocale. Del resto i fornitori che producono dispositivi compatibili con il sistema Amazon sono in aumento. Oltre agli altoparlanti che fanno parte della linea Echo, non mancano telecamere Wi-Fi e tantissimi apparecchi per uso domestico che si prestano per essere controllati con la voce.

In questo link trovi tutte le soluzioni e i dispositivi che ti permettono di utilizzare Alexa in casa, in soggiorno o in camera da letto.

Occorre ricordare che alcuni dispositivi si possono gestire in maniera diretta, mentre altri richiedono il gateway o il bridge dell’azienda produttrice. Altoparlanti, auricolari, prese smart, lampadine, accessori per la video sorveglianza e router sono i dispositivi più diffusi che interagiscono con Alexa. Sono pensati per rendere la casa maggiormente efficiente dal punto di vista energetico e confortevole.

Pensiamo, ad esempio, al termostato intelligente Tado°, un dispositivo per gestire il riscaldamento in casa ovunque ci troviamo, direttamente attraverso una specifica app per smartphone. In questo modo potremo ridurre gli sprechi di energia e risparmiare, grazie a delle funzioni intelligenti. Ad esempio, per comprendere meglio come funziona questo termostato smart, se non c’è nessuno in casa oppure se viene rilevata una finestra aperta, l’app mobile ricorderà di spegnere il riscaldamento attraverso una semplice notifica push.

Per quanto riguarda Alexa e i suoi dispositivi in camera da letto, suggeriamo poi la lampada LED Smart+ LEDVANCE, con tecnologia Bluetooth e colore della luce variabile. Basterà avvicinare il prodotto all’altoparlante, accenderlo e integrarlo con il comando Trova i miei dispositivi. A questo punto sarà davvero semplice controllare la lampada direttamente con il controllo vocale.

SCOPRI LE NOSTRE GUIDE TECH: CLICCA QUI

Nella pagina sono presenti link di affiliazione su cui si ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi.

Gianluca Rini

Pubblicato da Gianluca Rini

Laureato in Scienze Turistiche, ho conseguito poi un master in Giornalismo e Comunicazione. Mi interesso da molto tempo del settore della scienza e della tecnologia e ho collaborato con diverse testate giornalistiche, cartacee e online.